Festival di Berlino 2020: Due premi italiani e gli altri vincitori. I Fratelli D'Innocenzo conquistano l'Orso D'argento per la miglior sceneggiatura, tricolore è anche il premio ad Elio Germano come miglior attore.

  Il Festival di Berlino 2020 ha consegnato all’Italia ben 2 Orsi D’Argento. Elio Germano ha vinto il premio come miglior attore protagonista per “Volevo Nascondermi”, di Giorgio Diritti dedicato al pittore Antonio Ligabue.

Il secondo premio targato Italia, è una delle sorprese del Berlinale. L’Orso D’Argento alla miglior sceneggiatura è stato assegnato a “Favolacce”, dei gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, nel quale ritroviamo Elio Germano protagonista.

Orso
Elio Germano alla consegna dell’Orso d’Argento.

Elio Germano ha voluto dedicare il premio come miglior attore della 70esima edizione del festival di Berlino, ringraziando la troupe, ma soprattutto Antonio Ligabue: 

“Volevo ringraziare tutte le persone che hanno contribuito a questo film, che è stato molto faticoso.. Quindi tutte le persone coinvolte in questa pellicola, da Giorgio Diritti ai produttori e ai volontari, che ci hanno aiutato molto.” 

“Dedico questo premio a tutti gli storti, tutti gli sbagliati, tutti gli emarginati, tutti i fuori casta, ma soprattutto ad Antonio Ligabue e alla grande lezione che ci ha dato, che è ancora con noi. Lui diceva sempre “Un giorno faranno un film su di me”, ed eccoci qui!”

I gemelli D’Innocenzo avevano già conquistato i cuori di molti con il loro primo film “La Terra Dell’Abbastanza”, ma adesso si sono superati mettendo in scena una favola-drama che ha estasiato i presenti, “Favolacce”

Orso
Damiano e Fabio D’Innocenzo vincitori dell’Orso d’Argento per la miglior sceneggiatura.

Grandi emozioni li hanno portati sul palco alla consegna dell’Orso d’Argento per la miglior sceneggiatura. Visibilmente emozionati hanno dedicato il premio ai bambini del loro film e con tenerissimo gesto d’affetto fraterno “Ti amo fratello mio” ha detto uno, mentre l’altro ha reagito con un commosso “Mortacci tua!”

La consegna dell’Orso d’Oro è stata fatta a gran voce da Jeremy Irons, presidente della giuria del festival, consegnando il premio alla pellicola iraniana di  Mohammaad Rasoulof, assente perché prigioniero dissidente in patria per il suo There is no Evil. 

Di seguito tutti i vincitori del 70esimo Festival di Berlino:

 

Orso d’oro per il miglior film:

Sheytān vojud Nadārad – (There is no Evil) di Mohammad Rasoulof

Orso d’argento, gran premio della giuria:

Never Rarely Sometimes Always di Eliza Hittman

Orso d’argento per il miglior regista:

Hong Sang-soo per Domangchin yeoja

Orso d’argento per la migliore attrice:

Paula Beer per Undine

Orso d’argento per il miglior attore:

Elio Germano per Volevo nascondermi

Orso d’argento per la migliore sceneggiatura:

Damiano e Fabio D’Innocenzo per Favolacce

Orso d’argento per il miglior contributo artistico:

Jürgen Jürges per la fotografia di DAU Nataša.

Orso d’argento – 70ª Berlinale:

Effacer l’historique, regia di Benoît Delépine e Gustave Kervern.

Premi onorari

Orso d’oro alla carriera: Helen Mirren

Berlinale Kamera: Ulrike Ottinger

Il trailer di Favolacce, al cinema dal 16 Aprile.

ads
Condividi

1 Trackback / Pingback

  1. Nastri D'argento 2020: Ecco le nomination | Faige Network

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.